di Consorzio La Rada

 

IL PROGETTO

Le risorse del web sono parte del nostro quotidiano; fenomeni come quello dei “Leoni da tastiera” – utenti adulti che scrivono nei social in maniera aggressiva, screditando o minacciando altri navigatori – ben spiegano la pressante necessità di (in)formazione sul sul corretto uso dei nuovi media. 

Black Window si rivolge primariamente ai Nativi Digitali, alle ragazze e ai ragazzi immersi nella tecnologia fin dalla loro nascita. Se gli adulti ignorano gli effetti di comportamenti digitali negativi, a chi spetta dare il buon esempio? E quali potrebbero essere gli strumenti da mettere in campo?

Abbiamo immaginato Black Window per rispondere a questa domanda e offrire un mezzo capace di promuovere un uso critico e responsabile delle risorse, delle opportunità della rete e dei device smart (telefoni e videogame).

Black Window è una mini rivista cartacea gratuita e un sito web ricco di contenuti.

È una finestra aperta sulle “cose nascoste che accadono online”. 

È uno scambio di esperienze nei processi digitali di relazione. 

È uno strumento per innescare comportamenti virtuosi e offrire sostegno a vittime, potenziali vittime e potenziali autori di reato.

Non intendiamo produrre l’ennesimo progetto formale, paternalistico e censorio: desideriamo parlare ai giovani attraverso il loro immaginario, prestando attenzione ai loro gusti e alle tendenze di costume. Black Window mira a sensibilizzare anche i genitori, gli insegnanti, le istituzioni e media attraverso incontri territoriali e approfondimenti digitali.

 

Black Window ​è una finestra aperta sulle “cose nascoste che accadono online”, un luogo di scambio tra esperienze, tra il fuori e il dentro di processi digitali di relazione. L’obiettivo di progetto è informare gli adolescenti per promuovere un utilizzo critico delle risorse, delle opportunità, dei rischi, presenti sul web. Il risultato atteso è un utilizzo responsabile di device smart (telefoni e videogame), innescare comportamenti virtuosi per offrire sostegno a vittime, alle potenziali vittime e ai potenziali autori di reato. Il target indiretto è la comunità educante di riferimento (genitori, insegnanti, istituzioni, media) sarà raggiunto attraverso incontri territoriali e di approfondimento, aggiornamento e diffusione.

Back Window ​è un doppio strumento di sensibilizzazione e formazione:​ diffuso in formato cartaceo in edizione unica, approfondisce i suoi contenuti nell’omonimo sito web. Il pieghevole cartaceo assumerà le forme di ​un magazine e sarà distribuito in scuole, biblioteche e centri per l’attività giovanile.

Per agevolare la fruizione e il coinvolgimento, la comunicazione sarà sbilanciata in favore delle immagini: le illustrazioni saranno completate da brevi testi concorrendo al raggiungimento degli obiettivi previsti (riflettere sulle conseguenze personali e sociali di un cattivo uso di internet e dei social media; suggerire un uso funzionale ed equilibrato delle risorse offerte dal web; offrire strumenti di aiuto).

Pensato come un’estensione della mini rivista, l’omonimo ​sito web sarà arricchito di contenuti ogni due settimane per un anno e accoglierà: illustrazioni con testi a commento; brevi storie illustrate interattive; quiz; brevi articoli di approfondimento sui temi in oggetto; link ad altri servizi collaterali (sportelli di aiuto e assistenza, soggetti partner, iniziative simili ecc.).

Una sezione all’interno del sito sarà dedicata agli adulti per offrire loro ricerche, studi e articoli specifici di divulgazione redatti da studiosi ed esperti sui temi in oggetto.

 

FASI DEL PROGETTO:

Giugno 2020

Ricerca del tono e indagine su contenuti simili proposti a livello nazionale volti alla creazione di un moodboard per il progetto; realizzazione di grafica e testi per la campagna di crowdfunding.

Giugno-Luglio 2020:

Coinvolgimento del network e promozione del progetto.

Luglio-Ottobre 2020:

Creazione, impaginazione e stampa della versione cartacea e del sito web con i primi contenuti correlati.

Ottobre 2020:

Promozione/diffusione del progetto pronto off-line e on-line.

Ottobre 2020-ottobre 2021:

Creazione e upload dei contenuti del sito web con cadenza bisettimanale per un anno con relativa promozione dei contenuti attraverso i social e i canali prescelti.

Caratteristiche del progetto:

La comunicazione impiegherà due canali:

un pieghevole ​cartaceo

● un ​sito web​ di approfondimento Illustrazioni e testi proposti per entrambi i mezzi di comunicazione attingeranno all’​estetica contemporanea ​che accompagna il mondo dei ragazzi compresi in una fascia di età tra i ​12 e i 18 anni.​

Si propone uno ​sbilanciamento​della comunicazione ​a favore delle immagini;​le illustrazioni saranno completate da brevi testi di commento che si prefiggono l’obiettivo di: – far riflettere sulle conseguenze personali e sociali di un cattivo uso di internet e dei social media – suggerire un uso funzionale ed equilibrato delle risorse offerte dal web – offrire strumenti di aiuto.

Il cartaceo prevede la realizzazione di un pieghevole a quattro ante fronte e retro a croce in formato A3. Il formato consentirà di ottenere due tipi di oggetti grafici: una mini rivista generata da testi e illustrazioni accolti nelle sezioni formate dalle pieghe e un poster realizzato su tutta la superficie del retro. Il cartaceo proporrà contenuti testuali sintetici – frasi a commento delle immagini tra i 250 e i 500 caratteri – per favorire la comunicazione visiva. Ogni contenuto rimanderà ad approfondimenti ospitati nel sito web attraverso link o QR code.

Il sito web è pensato come un’estensione della mini rivista e sarà arricchito di contenuti ogni due settimane per un anno dall’avvio del progetto. Il sito accoglierà: illustrazioni con testi a commento, brevi storie illustrate interattive (librogame),  quiz, brevi articoli di approfondimento sui temi in oggetto,  link ad altri servizi collaterali (sportelli di aiuto e assistenza, soggetti partner, iniziative simili ecc.).

All’interno del sito si immagina una sezione dedicata ad adulti e insegnanti per offrire loro ricerche, studi e articoli specifici di divulgazione redatti da studiosi ed esperti sui temi in oggetto.

Il titolo vuole risultare avvincente per la popolazione target (adolescenti dai 12 ai 18 anni), richiamando immaginari più popolari in quella particolare fascia d’età: ribellione, tendenze di costume, musica (trap/Rap/pop), videogame e serie tv. 

L’idea è di non rivelare direttamente l’effettiva “identità” del progetto ma di utilizzare una tecnica indiretta e informale di comunicazione per promuovere un maggior coinvolgimento, evitare l’associazione con un contesto formale, paternalistico e censorio.

IL CONSORZIO

Il Consorzio La Rada nasce nel 2000 da un gruppo di 9 cooperative sociali con l’obiettivo di mettere a disposizione delle comunità territoriali vocazioni e competenze attraverso servizi di filiera improntati su legalità, solidarietà, garanzia di qualità e competenza del personale impiegato.

Grazie alla capacità di costruire risposte innovative rispetto ai bisogni dei territori nei quali opera, La Rada diventa in breve tempo punto di riferimento di molteplici realtà, istituzionali e del terzo settore.

Oggi La Rada associa 21 cooperative sociali operanti principalmente in provincia di Salerno ma tocca anche altre province campane ed eroga servizi rivolti ai più piccoli, ai giovani, alle famiglie, alle donne, agli anziani, alle persone con disabilità e alle comunità territoriali.

La Rada aderisce al Gruppo Cooperativo CGM, a Confcooperative ed a Federsolidarietà.

 



_
Raddoppia il successo del progetto!

Contattaci per attivare il matchgiving su questo progetto.
Non perdere questa opportunità!