CHI SONO

Ciao!

Mi chiamo Valentina Pitzalis e in una notte nel 2011 sono stata bruciata viva. Voglio raccontarvi quello che può sembrare un episodio lontano ma con cui purtroppo io faccio i conti, da quel giorno, ogni giorno della mia vita.

Il mio ex marito mi ha attirata in casa sua con una scusa, dopo essere entrata mi ha gettato della benzina addosso e poi mi ha dato fuoco; ho bruciato per 20 interminabili minuti rimanendo vigile fino all’arrivo dei soccorsi. Il carnefice è morto per asfissia in quella stessa occasione, io sono viva per miracolo.

Fidatevi se vi dico che questa non è ancora la parte peggiore del racconto. 

Per questo insieme a Fare X Bene, che mi ha sempre sostenuta, e grazie a Chi Odia Paga, ho aperto una raccolta fondi per aiutarmi a sostenere le spese legali che non avrei mai avuto modo di pagare da sola.

105 mila volte grazie!

105 mila volte grazie!

UNA RACCOLTA CHE HA RIDATO IL SORRISO A VALENTINA

In occasione della Giornata per l’eliminazione della violenza sulle donne per la prima volta in tanti anni ho chiesto aiuto: insieme a Fare X Bene, che mi ha sempre sostenuta, e grazie a Chi Odia Paga, ho aperto una raccolta fondi per aiutarmi a sostenere le spese legali che non avrei mai avuto modo di pagare da sola.

Dopo quasi 10 interminabili anni, il 25 dicembre la campagna si è conclusa, e grazie a voi posso finalmente chiudere i conti col passato.

Insieme a Fare X Bene abbiamo attivato il network Aiutiamole.it, iniziativa che racconterà la storia di tante donne, che spero possa diventare un appuntamento fisso ogni novembre per aiutare a restituire un sorriso a tutte le donne che lo hanno perso per colpa di chi un tempo amavano. 

Valentina Pitzalis

Dal 2011 a oggi, la storia di un incubo

Dal 2011 a oggi, la storia di un incubo

Hanno sostenuto la campagna

Fedez e Chiara Ferragni
Jo Squillo
Mara Venier
Katia Follesa
Malika Ayane
Nina Rima
Costanza Caracciolo
Juliana Moreira
Martina Colombari
Kemama
Beppe Convertini
Sara Cardin
Gessica Notaro
Maria Grazia Cucinotta
Roberta Bruzzone
Camilla D'Antonio

PER SAPERNE DI PIÙ

PER SAPERNE DI PIÙ

I fondi donati saranno utilizzati per coprire interamente le spese che Valentina ha dovuto sostenere in questi anni, che ammontano a 98.000 euro. Eventuali ulteriori fondi raccolti saranno destinati a difendere legalmente Valentina dalle campagne di odio online ancora attive nei suoi confronti e a sostenere altre donne vittime di simili campagne di odio ingiustificato.

Assolutamente, l’iniziativa AIUTIAMOLE si propone di partire ogni 25 novembre con una nuova campagna in difesa di donne vittime di violenza. Per maggiori informazioni scrivere a onlusfarexbene@gmail.com

Dopo due archiviazioni precedenti, nel 2017 i genitori del marito sono riusciti a far aprire nei confronti di Valentina un’indagine per omicidio volontario, incendio doloso e istigazione al suicidio. Tre lunghi anni nei quali Valentina ha dovuto subire insulti, minacce di morte, diffamazioni, body shaming, restando in silenzio e confidando nella giustizia.

Finalmente il 1 ottobre scorso, dopo l’ennesima opposizione all’archiviazione richiesta dagli ex suoceri, è arrivata anche l’archiviazione definitiva del Giudice delle Indagini Preliminari, il quale ha riconosciuto finalmente e definitivamente Valentina come la vera e unica vittima della dolorosissima vicenda.

Valentina ha vinto due cause promosse nei confronti della madre di suo marito: la prima perché quest’ultima aveva illegittimamente pubblicato le pagine di un suo diario separandole arbitrariamente dal contesto nel tentativo di farla apparire un’assasina; la seconda per ottenere, così come ha ottenuto, la condanna per diffamazione a mezzo stampa e sui social della madre del marito. In entrambi i processi la madre del marito è stata condannata, oltre che al pagamento delle spese legali, anche al risarcimento dei danni in suo favore, danni e spese legali che però non potrà mai pagare poiché si è sempre dichiarata nullatenente. Di conseguenza tutte le spese degli Avvocati e dei numerosi consulenti incaricati per la sua difesa (medici legali, anatomopatologi, esperti in incendi ecc.) dovranno essere sostenute da Valentina per un ammontare complessivo di € 98.000,00.